mercoledì 19 giugno 2013

L'estate che verrà...

Eccoci, finalmente sembra essere arrivata l'estate con il suo caldo torrido e le sue emozioni contrastanti che cambiano da individuo a individuo.
La prima sensazione che ci viene in mente è l'ansia, che caratterizza i maturandi. Proprio oggi sono iniziati gli esami con la prima prova scritta: il tema di italiano. Fra le tracce, inaspettatamente, l'analisi di un testo di un autore contemporaneo, al posto dei soliti Montale, Pirandello o Ungaretti.
Nonostante la prima colonnina sia da 'spuntare', poichè si riferisce, ormai, al passato, anche se recentissimo; vi allego quest'immagine che 'gira' nel web, sperando che, chi fino ad ora se l'era lasciata sfuggire, possa trarne beneficio.

La seconda è la rabbia di tutti quelli che, con la certezza di non essere ammessi alla classe successiva o che si sentono in bilico a causa di uno o più debiti formativi, trovano ingiusto ciò che è stato imposto dai professori. Tutti sappiamo quanto i 'prof' possano essere noiosi e petulanti, ma è davvero possibile che delle persone normali il cui unico difetto, almeno per quanto riguarda il lato che conosciamo di loro, siano davvero disposti a seminare terrore e dolore, come dittatori furiosi? O sarebbe forse il caso che gli 'imputati' di questo processo silenzioso e assurdo, si facessero un esame di coscienza e di autovalutamento?

Per ultima ho lasciato l'emozione migliore che tutti vorremmo provare: il sollievo. Sollievo per chi, per costanza o per miracolo _ io credo di rientrare nel secondo caso, ad esempio :) _  è riuscito ad essere promosso subito, senza alcun debito ed è pronto a godersi l'estate, con gli schizzi e le passeggiate al mare, le uscite per montagne e colline o, alle brutte, i pomeriggi passati in città a boccheggiare leggendo bei libri, se possibile ambientati in inverno, come se, immedesimandoci nel protagonista, potessimo godere anche noi di un po' di frescura.


Beatrice 

4 commenti:

  1. e vero quello che hai scritto bellissimo testo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, ma ho solo detto quel che pensavo... c: Grazie per essee passata a leggermi, un bacio! :)

      Elimina
  2. Niente di più vero: i "poveri" maturandi sono alle prese con gli esami di Stato...e i rimandati/bocciati dovrebbero fare la stessa cosa...magari cimentandosi in qualche bell'esame di coscienza ;)Per quanto riguarda noi "gente fortunata", paragonata a un gruppo di vampiri che "lecca" il sangue ai prof inducendoli così ad alzare e a regalare i voti, credo che ci limiteremo a fare qualche esame del sangue, giusto per provare la nostra "innocenza" o, al massimo, per rimanere in tema ! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahahahahahhahahahah, ci servirà! lol Ma credo che ci serviranno anche un paio di canini nuovi per l'anno prossimo, che forse quelli utilizzati quest'anno si sono un po' consumati... Scherzi a parte, 'se l'anno vuoi passare, almeno un pochino devi studiare!'... La perla di saggezza delle 21.56 Ahahahahah, ciao, a presto!


      Elimina