sabato 12 settembre 2015

Cinema & Storia, Cassino 17 Aprile

Venerdì 17 e Sabato 18 Aprile a Cassino si è tenuto il Meeting Cinema e Storia a cura di ABC Arte, Bellezza e Cultura e promosso dalla Regione Lazio a cui ho avuto la fortuna di prendere parte, sebbene per un solo giorno,  il primo.

La mattinata del Venerdì, trascorsa all'interno del Teatro Manzoni di Cassino, si è aperta con i saluti istituzionali, la presentazione di coloro che hanno ideato il progetto e i ringraziamenti a coloro che hanno reso possibile la realizzazione di esso, come il Sindaco di Cassino e il presidente della Regione Lazio.

A quest'introduzione è seguita la conferenza vera e propria, nella quale un gran numero di studenti presenti nella sala hanno avuto la possibilità di scoprire film sulla guerra del secolo scorso, osservarne alcune scene e ascoltare le opinioni dell'attore Elio Germano e del critico cinematografico Fabio Ferzetti.

Entrambi, in maniera semplice e diretta, ci hanno fatto capire quanto sia cambiato negli anni il ruolo della cinematografia e, di conseguenza, della televisione. Era proprio tramite la televisione che i telespettatori potevano addentrarsi alla scoperta di film come quelli proposti durante la mattinata e quindi, come ha sottolineato lo stesso Germano, appassionarsi, capire e affacciarsi alla storia e all'epoca della guerra, analizzando nel profondo le condizioni di vita, che non sempre si imparano aprendo i testi scolastici di storia. Inoltre, ha aggiunto come sia più importante essere delle persone piuttosto che essere bravi a scuola che, ad una platea occupata da studenti non tutti con ottimi voti ( come la sottoscritta, ad esempio....), fa sempre piacere che sia ricordato.

Se i romani tendono a "buttare in caciara" i discorsi, Elio Germano ha preferito buttare il discorso in politica, affrontando temi caldi, come quello della guerra e della concezione che hanno di essa alcuni partiti di oggi, come l'utilità del corpo militare o come l'impermeabilità delle sale di potere, in cui restano nascoste verità che a noi, popolo comune, non è dato conoscere. Facendo, inoltre, dei parallelismi tra sanità, scuola e il mondo del cinema, ha spiegato come, secondo lui, la politica sia un mestiere come un altro e, proprio per questo, vittima della stessa degenerazione che, soprattutto nei tempi moderni, ha colpito la nostra società.

Verso la conclusione sono state poste ad entrambe delle domande da parte di studenti ( una dei quali ero io e scusate l'egocentrismo di questo inciso c; ), ma anche da parte di un'assessore comunale ( e ci tengo a sottolineare che l'apostrofo non rappresenta un errore, ma sta a spiegare che questo personaggio politico era una donna che, oltretutto, avendo ascoltato le idee politiche dell'attore durante la conferenza, gli ha persino proposto di stilare con lei il suo prossimo programma elettorale).


I video guardati erano estratti dai film:

L'onorevole Angelina, di Luigi Zampa;
Tutti a casa, di Luigi Comencini;
Brutti, sporchi e cattivi, di Ettore Scola;
La Grande Guerra, di Mario Monicelli;
Uomini Contro, di Francesco Rosi.

Di questi ultimi due film nel video che vi allego qui sono presenti, rispettivamente, la visita nei luoghi in cui sono state girate alcune scene con Alberto Sordi e Vittorio Gassman e il commento durante la conferenza.

Nel pomeriggio, infatti, era prevista una visita a San Pietro Infine, con passeggiata nel Parco della Memoria Storica, alla scoperta delle grotte che servirono come rifugio e protezione ai civili durante la seconda guerra mondiale e nei luoghi che fecero da set alla "Grande Guerra".






Nessun commento:

Posta un commento