martedì 15 settembre 2015

Il principe della nebbia

'Ma succede sempre il contrario di quello che ci aspettiamo, non è così?'
Tratto dal libro.

Di certo Alicia e Max non avrebbero voluto traslocare dalla loro tranquilla e, forse un po' noiosa, vita di città. Ma con la nube scura della guerra, il loro padre non ha potuto fare altrimenti. E l'uomo non avrebbe potuto scegliere luogo peggiore in cui far traslocare la propria famiglia: un paese sulla costa settentrionale della Spagna.

Un oceano di segreti spettrali e misteriosi, oltre a quello che si infrange sulle rive del luogo, tocca la casa in cui vivono e il nuovo amico dei due fratelli, Roland, legato ancor più di loro alle vicende cupamente magiche che ci vengono narrate. Come ogni libro di Zafón, il passato si riflette sul presente in modo da condizionarlo e, come ogni volta, le conseguenze sono tragiche e narrate in maniera orrendamente thriller. Un meccanismo di promesse non mantenute, errori di giovinezza e descrizioni 'macabre e lugubri'. Questo è Il Principe della Nebbia, uno dei primi libri scritti da Zafón e appartenente a un 'genere di narrativa che avrei apprezzato da ragazzo, ma che avrebbe continuato a interessarmi a ventitré anni, o a quaranta, o a ottantatré’come precisa l’autore stesso nelle note che precedono l’inizio del racconto.

Solo una cosa mi duole annunciarvi: non importa quanto siate fan di Zafon, una volta terminato il libro lo odierete un pochino.

Titolo: Il Principe della Nebbia; 
Titolo originale: El Príncipe de la Niebla;
Autore: C.R. Zafón;
Editore:Mondadori, numeri primi;
Genere: avventura, amore, fantastico;
Prezzo: 13.00 € .




Questo racconto è contenuto, inoltre, anche in un volume chiamato Trilogia della nebbia, assieme a le Luci di Settembre e aIl Palazzo della Mezzanotte, edito da Mondadori.
Anche se comprare un unico libro che costa 16 euro è più conveniente che comprarne tre da 13 euro l’uno, io consiglio vivamente la seconda opzione, perché credo, dato che l’unico volume che li comprende tutti, è poco più alto di ognuno, ci siano stati dei ‘tagli’.
Consiglio, dunque, di leggere le versioni ‘singole’, anche perché hanno tre storie completamente diverse fra loro, a differenza del’Ombra del Vento, il Gioco dell’Angelo e il Prigioniero del Cieloche seguono tutti uno stesso filo conduttore.






E dato che, come cita nel testo,  

'il tempo non esiste quindi non bisogna sprecarlo' 

correte a leggere il Principe della Nebbia!

Nessun commento:

Posta un commento